Cos’è la Psicologia dello Sport

Prima di parlare di che cos’è la psicologia dello sport, mi piacerebbe dire che cosa non è.., la psicologia dello sport non è una forma di terapia, all’interno di un percorso in psicologia dello sport non si “analizza” l’ atleta o la squadra.

La psicologia dello sport è invece una branca della psicologia che ha un vastissimo dominio di applicazioni, tra le quali:

– favorisce l’incremento della prestazioni sportive attraverso una migliore gestione di alcune abilità psicologiche fondamentali (gestione dell’ansia da prestazione, della concentrazione, dell’autoefficacia, della motivazione, degli obiettivi, del dialogo interno, ecc..).
– aiuta il miglioramento delle dinamiche di gruppo e di leadership all’interno della squadra e tra l’allenatore e i propri atleti
– crea modelli di valutazione (test, questionari)
– aiuta gli atleti ad superare da periodi di inattività o di infortunio
– si occupa del benessere della persona sia attraverso il contrasto all’utilizzo di sostanze nocive, come quelle dopanti, sia nel prevenire disturbi dell’alimentazione legati all’attività sportiva
– promuove l’aspetto ludico ed evolutivo dello sport nelle fasce d’età scolare, come fonte di crescita relazionale per i bambini e come promozione ad uno stile di vita sano